Aging - Invecchiamento della pelle

Uno dei problemi che ci preoccupare sempre di più, con l’avanzare dell’età ed il passare del tempo è sicuramente l’invecchiamento della pelle ( o invecchiamento cutaneo)
Con il passare degli anni, la nostra pelle va incontro a modificazioni a livello cellulare e strutturale che si traducono in un progressivo e lento mutamento dell'aspetto esteriore

In generale si può affermare che il processo d'invecchiamento è caratterizzato dalla minor capacità dei tessuti a rigenerarsi.

SOLO UN MEDICO ESTETICO ESPERTO E' IN GRADO DI SCEGLIERE IL TRATTAMENTO, O LA COMBINAZIONE DI QUESTI, PIU' ADATTO ED EFFICACE CONTRO IL TUO PROBLEMA DI INVECCHIAMENTO DELLA PELLE!


Risultati REALI per persone REALI! Ecco le prove:

Fattori di invecchiamento

Oltre all’ età stessa, esistono numerosi fattori in grado di attivare ed accelerare il processo di invecchiamento cutaneo:

Esposizione solare (photoaging)
L’ esposizione prolungata alla luce solare determina un invecchiamento precoce e strutturalmente diverso rispetto a quello dovuto all’ età ed all’ atrofia. Il segno caratteristico è in questo caso la presenza di fibre elastiche ispessite e danneggiate (elastosi o degenerazione basofila) che determinano un ispessimento cutaneo. Anche la sostanza base è aumentata, mentre il collageno maturo è ridotto.

Ultravioletti ed abbronzatura artificiale
E’ ormai superato il concetto che le radiazioni ultraviolette UVB (280-315nm) contenute nella luce solare possano essere le sole responsabili del cancro cutaneo o dell’ invecchiamento precoce. Gli UVA (315-400 nm) possono infatti anch’ essi causare danni ed elastosi se assorbiti in dosi da 100 a 1000 volte superiori rispetto a quelle che sarebbero dannose per gli UVB, dosi raggiungibili durante le sedute di abbronzatura artificiale. Va notato inoltre che, mentre l’ effetto degli UVB è localizzato principalmente a livello dell’ epidermide, gli UVA hanno effetti localizzati più profondamente a livello del derma.

Radicali superossidi
La formazione di varietà di “ossigeno attivo” del tipo dell’ anione superossido o dell’ ossigeno singoletto è un altro meccanismo attraverso il quale le radiazioni ultraviolette possono causare invecchiamento cutaneo. L’ applicazione di antiossidanti cutanei come l’ alfatocoferolo, ha dimostrato effetti protettivi.

Fattori vari
E’ interessante notare che una concentrazione ematica di caffeina pari a 10 mcg/ml (raggiungibile con tre tazze di caffè) può ridurre la sintesi di collageno del tipo I fino al 15%. Per quanto riguarda il fumo, infine, diversi studi lo hanno associato alla presenza di rughe periorali. Studi recenti suggeriscono che, attraverso la formazione di molecole ossidanti, il fumo possa ridurre la sintesi di collageno anche del 40%.